Tino Magnan

(Badia Polesine 1943 – Ferrara 1996)

Uno dei più importanti calciatori badiesi del dopoguerra.
Esordì appena quindicenne nella locale squadra di Seconda Categoria per diventarne titolare assoluto nell’anno seguente. Giocò nella squadra locale ancora due anni, per la delizia dei compagni e del pubblico di Badia. Approdò poi nelle file del Gruppo Sportivo Aziendale della Felisatti, ditta che lo assunse come operaio elettrico nella propria sede di Ferrara.
Fu quello il trampolino di lancio che fece conoscere l’estro e le capacità di Tino Magnan in terra emiliana, tanto che l’anno seguente ottiene il suo primo contratto semiprofessionistico con il Baracca di Lugo in serie D. La stagione seguente, continua la sua scalata e passa in serie C, nell’Ascoli e mancherà per un soffio il passaggio nelle file della Roma. Continuerà a giocare ancora cinque anni a livello semiprofessionista e a ventotto anni decide di lasciare la carriera di calciatore e di dedicarsi al lavoro e alla formazione di una famiglia.
Torna però a Badia Polesine dove giocherà per la squadra del Badia che saranno per il Badia gli anni più belli e proficui.
Magnan è ricordato come colui che ha sempre amato i colori della squadra della propria città e i giovani badiesi, ai quali impartiva il proprio sapere calcistico, con senso di abnegazione. Morirà a soli 53 anni.
Domenica 31 maggio 2015 l’Amministrazione Comunale, nella persona del Sindaco Gastone Fantato, ha scoperto la targa di intitolazione dei nuovi campi sportivi a Tino Magnan e Valentino Degani.

Tratto da
Tino Magnan (1943-1996), un campione mai dimenticato di Paolo Aguzzoni, Numero Unico della Pro Loco – 2014